Come?

 

Psiche

 

 

 

 

“Il tutto è qualcosa di più della somma delle sue parti”

 

Famoso assunto della Gestalt, la psicologia della forma (corrente che incentrava i suoi studi sulla percezione), ha dato origine al mio pensiero(anche se il mio orientamento è costruttivista – cognitivista, penso che sia importante integrare tutto ciò che possa essere utile, che possa avere un senso). Sebbene ci siano state molte evoluzioni dalla nascita di questo movimento, credo fermamente che ciò che crei un piatto, un progetto, un comportamento, un’idea… nasca dall’interazione di più fattori e senza di essi non potrebbe esistere.

Ecco che nasce il mio triangolo in cui psiche, cibo e ambiente interagiscono fra loro. Possono essere “guardati” da soli, o a coppia di due o allontanandosi vedere come intrecciandosi possano formare mille possibilità, considerazioni e emozioni. Nei vari articoli potrete meglio capire, anzi vedere i mille intrecci che questi tre elementi hanno da offrire.

 

 

images Su Wikipedia alla parola “psiche” riporta tale definizione:

Psiche è un termine con cui tradizionalmente si usa individuare l’insieme di quelle funzioni cerebrali, emotive, affettive e relazionali dell’individuo (funzioni psichiche), che esulano dalla sua dimensione corporea e materiale. I progressi moderni nelle neuroscienze, in psicologia e psichiatria hanno evidenziato l’unità psicofisica.”

La psicologia è molto di più. Per me significa una parte importante di me stessa e della mia vita. Ho iniziato il mio percorso molti anni fa e, non con pochi intoppi, cerco di portarlo avanti. Non posso abbandonare questa parte, sarebbe come tagliarmi un braccio, sarebbe come perdere la mia identità.

Viaggia a pari passo con la passione per il cibo e l’educazione che si intrecciano in una fantastica rete con cui “catturo” tutto ciò che posso imparare, comunicare, vivere.

Perché come? Come ci approcciamo al cibo, come sentiamo il cibo, come lo vediamo e di conseguenza come vediamo noi stessi: perché noi siamo quel che mangiamo!

Pronti a viaggiare con me su rotte sconosciute?

 

 

No Comments

Leave a Reply