TORINO UNA GOLOSA PER CASO

Albergo Ristorante San Giors: un luogo dove “Ste cuma ‘n puciu”

11 Giugno 2020
San Giors

“Tutto cambia perché nulla cambi”, questo è il nuovo spirito con cui l’Albergo Ristorante San Giors, locale storico di Torino, ha deciso di muovere i suoi passi in un periodo così complicato.

SCOPRI IL MIO PRIMO ARTICOLO QUI

Il San Giors, grazie alla proprietaria Simona Vlaic, allo Chef Paolo Ribotto e a tutta la sua squadra, ha saputo rinnovarsi mantenendo la sua essenza, la sua identità, la sua capacità di farti sentire a casa. Scopriamo alcuni numeri e soprattutto le novità….

#CiapaLì: un delivery vincente

Dopo pochi giorni dal lockdown, hanno lanciato la proposta di delivery “CiapaLì” che è risultata davvero azzeccata riscontrando un gran favore da parte della clientela. Durante i 70 giorni di lockdown, sono state effettuate ben 400 consegne di cui il 90% da parte di nuovi clienti. Non mi è difficile capire il motivo, un’ottima cucina, un ottimo prezzo, un ottimo modo di gustare sapori della propria tradizione, una coccola per la mente e il cuore.

Il menù primaverile… preludio della stagione estiva

A fianco dei piatti intramontabili come i plin al sugo d’arrosto o la degustazione di antipasti piemontesi, lo Chef Ribotto propone fino a fine Giugno alcune novità primaverili che ci accompagneranno all’inizio della stagione estiva… Ed io non vedo l’ora di assaggiare già i nuovi piatti 🙂

La larga presenza degli asparagi, dei piselli e fave ed erbe di campo fa ben intendere il colore verde come fil rouge del menù. Sempre ammirevole l’attenzione alla qualità dei prodotti e al rispetto nel trattamento delle materie prime. Non vi basta? Qui potete sentitre il cuore e la passione… Non vi rimane che provare!

Ecco qui sotto i nuovi piatti in carta e nelle galleria potete trovare le immagini a dir poco invitanti:

Gamberoni scottati con parmentier di asparagi Trippa alla piemontese tiepida con lenticchie di Colfiorito e porri croccanti
***
Agnolotti di amatriciana fatti in casa con fave e pecorino
Tajarin fatti in casa con scampi, asparagi, fiori di zucca, lime e zenzero
Risotto verde di primavera ‘gli Aironi’ con robiola di capra “La Crava” di ‘Corbusier’
***
Petto di anatra scottato con erbette di campo e caramello di aceto di lamponi
Guancia di vitello con crema di piselli e pomodorini confit
***
Semifreddo al cioccolato, composta di ciliegie fatta in casa e crumble al cacao
Cheesecake di burrata, frutti di bosco freschi e gelato ai piselli fatto in casa
Cannoli di sfoglia fatti in casa ripieni di crema soffice alla vaniglia con fragole fresche e menta

La Gran Carpionata

Data la stagione, il Gran Bollito Misto lascia il posto ad un altro piatto tradizionale piemontese (che per me in troppo pochi propongono): si tratta della Gran Carpionata!

La Gran Carpionata comprende 9 pezzi diversi al costo di 27 €: uovo al paletto, zucchine, asparagi, milanese di pollo, milanese di vitello, polpetta di manzo e maiale, trota, alici e capitone. Questa proposta è possibile ordinarla anche con il servizio “in burnia” di vetro riutilizzabile tramite delivery o take away.

Per me questo piatto costituisce un tenero ricordo d’infanzia. Mia nonna paterna preparava sempre zucchini e uova in carpione che sono rimasti indelebili nel mio cuore e ancora oggi tento di replicare ma senza successo. Quindi trovarlo è stata una bella passeggiata sul viale dei ricordi.

Ste cuma ‘n puciu: una grande novità

Con questo detto piemontese che vuol dire “star bene in un posto”, il San Giors lancia un’idea originale e innovativa che ripensa e riutilizza le camere dell’albergo in una nuova veste.

Infatti, se desiderate condividere una cena intima o tra amici in modo riservato e particolare, tre camere (per ora) del San Giors sono state allestite con tavolo e sedie al posto del letto.

Le camere coniugano la bellezza dell’arte al piacere di un momento unico e piacevole con tutti i comfort: bagno privato, WI-FI, aria condizionata e servizio esclusivo. All’allestimento già presente dei diversi artisti si unisce un ulteriore allestimento artistico curato dal fotografo torinese Daniele D’Anotnio.

Il servizio di prenotazione della camera costa 15 € da aggiungersi al costo della cena che i clienti potranno scegliere liberamente dalla carta del menù proposto dallo Chef Ribotto. Il servizio è prenotabile dal martedì al sabato dalle 19.30, PER INFO: info@hotelsangiors.it oppure al 3483953440.

Vi lascio con le foto dei piatti, che sono sicura attiveranno la vostra salivazione, e vi do appuntamento alla prossima!

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.