Primi Ricette

La mia tajeddha con cozze e alici

1 Luglio 2016

In questo articolo vi parlo di uno dei posti che amo di più, la Puglia, ed in particolare della zona salentina. Leggete e scoprite la guida eno-gastronomica e qui sotto la mia versione della tiella di riso… No, non ci riesco a non sperimentare 🙂

“La tajeddha, come si può riuscire ad intuire dal nome, è un piatto che deve le sue origini alla “paella” spagnola e non a caso si è diffuso nel Salento proprio in seguito alla dominazione degli Spagnoli e che prima ancora era stata portata in Spagna dagli Arabi. Gli ingredienti possono essere tra i più variabili, ma quelli imprescindibili sono cozze e patate. Così come “paella” significa padella e viene servita appunto in padella, allo stesso modo “tajeddha” significa tegame e il piatto viene servito direttamente in tegame. Si tratta in sostanza di un timballo con cozze e patate, cui possiamo aggiungere altri ingredienti a piacere (…)”

La mia tajeddha 

Ingredienti

  • 300 g di riso Roma
  • 400 g di patate (circa due patate di media grandezza)
  • 1 chilo e mezzo di cozze
  • 100 g di cipolla (circa una cipolla di media grandezza)
  • 200 g alici fresche abbastanza grandi
  • 4 pomodorini sardi
  • 50 g di caciocavallo ragusano
  • 1 cucchiaino curry South India
  • Finoocchietto selvatico fresco q.b.
  • olio extravergine d’oliva q.b.

 

Preparazione

Pulite bene le cozze e mettetele in una casseruola chiusa sul fuoco per farle aprire. Togliete le cozze dal loro guscio e filtrate l’acqua di cottura. Pulite e lavate bene le alici. Tagliate le patate e la cipolla a rondelle sottili e insaporitele con il curry mescolandole con le mani. In una teglia di terracotta, mettete un filo generoso d’olio e formate un primo strato con le patate e le cipolle. Coprite con uno strato di riso sciacquato bene precedentemente. Formate uno strato sottile ricoprendo giusto le patate. Aggiungete i pomodori tagliati a pezzettini. Aggiungete le cozze e le alici. Spolverizzate con metà del formaggio e qualche rametto di finocchietto. Ricoprite con un altro strato di patate e aggiungete l’acqua delle cozze fino a ricoprire l’ultimo strato (se non è sufficiente aggiungete dell’acqua). Finite con il formaggio restante e un filo ancora d’olio. Infornate a 180° in forno pre – riscaldato per circa un’ora. Nell’ultimo quarto d’ora alzate a 200° per dorare la tajeddha …

… “Stuzzichevole”!

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.